Vai al menu principale  Vai ai contenuti della pagina

 

Home > Internazionalizzazione > Made in Italy > Export vino abruzzese doppio rispetto alla media nazionale

Export vino abruzzese doppio rispetto alla media nazionale

Data di aggiornamento: 25-03-2011
“I dati forniti dall’Istat confermano quanto di buono è stato fatto nell’ultimo anno, con un incremento nelle esportazioni del +18,8% a livello regionale e un +13,5% per quanto riguarda il settore alimentare. Una variazione positiva che si attesta ben al di sopra di quella nazionale che è stata del +15,7%”.

L’Assessore regionale alle Politiche Agricole, Mauro Febbo, commenta così i dati relativi alle esportazioni nel quarto trimestre del 2010 forniti recentemente dall’Istat.

“Nonostante la congiuntura economica negativa – continua Febbo - l’Abruzzo così come avevamo sottolineato nei mesi scorsi, continua a lanciare segnali positivi e anche se la crisi non può dirsi superata, questo ci lascia ben sperare e ci induce a proseguire sulla strada intrapresa”.

“Entrando nel dettaglio – nota Febbo - è interessante sottolineare come ci siano stati degli incrementi per quanto riguarda le esportazioni dei prodotti di colture non permanenti (piante che non durano più di due stagioni agricole come i legumi da granella), con oltre 3 milioni di euro in più rispetto all’anno passato e 2 milioni per le colture permanenti (ad esempio frutteti). Se si approfondiscono i dati relativi ai prodotti della lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi, l’Abruzzo ha segnato una variazione del +3,4% rispetto al 2,3% che l’Istat ha rilevato a livello nazionale”.

“Le indicazioni più incoraggianti – prosegue Febbo - come ci si attendeva, arrivano soprattutto dal settore dei vini con un confortante +15%, che rappresenta quasi il doppio rispetto al dato nazionale dell’8%. L’Abruzzo ha fatto registrare infatti esportazioni per oltre 100 milioni nel 2010. Questo ottimo risultato inoltre arriva alla vigilia dell’importante appuntamento con il Vinitaly di Verona che offrirà la possibilità alle nostre aziende non solo di consolidare i rapporti e gli scambi con l’estero, ma anche di rafforzare e di rilanciare il mercato regionale e nazionale”.

“Nel settore delle bevande – conclude Febbo - si è registrato inoltre un notevole balzo in avanti con un aumento di introiti pari a 12 milioni 442mila euro. Dati alla mano si registra un aumento degli interscambi commerciali con numerosi paesi, dai partner storici come Canada, Germania, Francia e Stati Uniti ad altri che devono rappresentare nuove ed interessanti possibilità, come ad esempio il Belgio”.

Fonte: Regione Abruzzo