Vai al menu principale  Vai ai contenuti della pagina

 

Home > Ufficio Stampa > News > Deposito sit. patrimoniale per consorzi con attività esterna e contratti di rete - Scadenza: 29 febbraio 2016

Deposito sit. patrimoniale per consorzi con attività esterna e contratti di rete - Scadenza: 29 febbraio 2016

Deposito della situazione patrimoniale per i consorzi con attività esterna ed i contratti di rete dotati di organo comune e di fondo patrimoniale - Scadenza: 29 febbraio 2016


Ai sensi dell’art. 2615 bis del C.C., i consorzi, entro due mesi dalla chiusura dell’esercizio, devono depositare al Registro delle Imprese la loro situazione patrimoniale.


La situazione patrimoniale dei Consorzi deve essere depositata in formato XBRL


La pratica di deposito della situazione patrimoniale dovrà contenere:
•    Il prospetto contabile, costituito dallo Stato Patrimoniale e dal Conto Economico,  e la nota integrativa,  codificati esclusivamente in formato XBRL sulla base della tassonomia vigente compilando le sole voci di tassonomia effettivamente presenti nel prospetto contabile.


Il prospetto contabile in formato PDF/A dovrà essere allegato alla pratica di deposito in aggiunta al file in formato XBRL, nella sola ipotesi in cui la vigente tassonomia non sia giudicata compatibile, per la particolare situazione aziendale, con i principi di chiarezza, correttezza e verità di cui all’art. 2423 del Codice Civile; in tal caso occorre indicare le motivazioni del doppio deposito in calce alla nota integrativa.


La modulistica da utilizzare per questo tipo di deposito è il modulo B.


Per approfondimenti si rimanda alla sezione del sito dedicata al deposito dei bilanci (clicca qui).  


L’importo dei diritti di segreteria è pari ad € 62,70 per via telematica e l’imposta di bollo € 65.

Il deposito deve avvenire entro 2 mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

Si ricorda che entro il 29 febbraio 2016, deve essere depositata al Registro delle imprese la situazione patrimoniale al 31 dicembre 2015 dei contratti di rete che prevedono l’istituzione di un fondo patrimoniale comune e di un organo comune destinato a svolgere un’attività, anche commerciale, con i terzi.

I consorzi Fidi sono invece tenuti alla presentazione del Bilancio con il relativo verbale d’approvazione secondo la disciplina delle società di capitali.